La crisi va verso l’inflazione e si chiuderà con la distruzione delle monete cartacee

 

King World News ha ricevuto numerosi email da parte dei suoi lettori ed auditori chiedendo come va a finire questa crisi finanziaria. E quindi Eric King ha intervistato la settimana scorsa, l’uomo che ha studiato la storia delle monete durante più di quarant’anni per chiedergli come si potrebbe sistemare tutto questo. Bill Haynes, presidente e gestionario di CMI Gold and Silver ha dato il suo parere sulla crisi senza fine che si sta svolgendo e dove ci porterà:

Inflazione

« Con tutti questi rapporti che denigrano i metalli preziosi, alcuni investitori hanno paura. Ma altri mi dicono “se sono pronti a lasciare i metalli preziosi ad un prezzo cosi basso, io compro subito”. Sai Eric, questa situazione sembra a quella dell’anno 2000. Ti ricordi quando l’oro era sotto i 300 dollari e l’argento sotto i 5 dollari e pero molti ci insultavano perché ne compravamo?

Tu, compravi oro ed argento perché percorrevi la tendenza in senso inverso rispetto agli altri. Da più di dodici anni mi stai spiegando i motivi per i quali serve comprare metalli preziosi. E adesso succede la stessa cosa: ci prendono in giro perché crediamo che il prezzo di oro ed argento crescerà. Ma parliamo degli scarti tra quello che vediamo oggi e quello successo dodici anni fa.

« Oggi l’oro e l’argento rappresentano un migliore affare rispetto al 2000 perché i problemi sono molto più gravi. »

L’unica cosa che ci preoccupava dodici anni fa, erano le spese massive di deficit perché provocarono inflazione a breve termine. Nel 2000, quando si comprava, nessuno parlava di Lehman che potrebbe sparire… senza dimenticare la Merryll Lynch che ha fallito prima di essere assorbito dalla Bank of America…

Spesso dimentichiamo tutta la drammaticità di queste cose ma guardate dove siamo oggi. Confermo che oggi l’oro e l’argento rappresentano un migliore affare rispetto al 2000 perché i problemi sono molto più gravi, o al meno vengono considerati cosi.

Credo sinceramente che gli investitori dovrebbero aumentare le loro posizioni adesso. Tutti i soldi che dormono o che non vengono utilizzati durante i due prossimi anni dovrebbero servire a comprare oro e argento fisico. »

Eric King : « Mi ricordo che a quell’epoca ho acquistato più di tre tonnellate di argento fisico ed ho richiesto la consegna a domicilio. Poi come dicevo, quasi non potevate fornire quest’argento fisico gratuitamente perché la gente non voleva pagare le spese di custodia.

Quando vedo gli investimenti fatti oggi, mi sembra che la situazione sia migliorata perché all’epoca nessuno si interessava a questo settore. Ma siamo quasi il 57% a pensare che è un mercato con tendenza rialzista, ben più rispetto a quello che abbiamo vissuto quando l’argento era quotato a 50 dollari… Mi pare che la gente aveva lasciato perdere. »

Bill Haynes : « Effettivamente… ogni giorno, la situazione globale continua a deteriorarsi. E’ una situazione in cui l’oro si scambia ed invece il dollaro no. L’euro diventa forte, l’oro anche, ma un giorno una di queste 2 valute crollerà.

Crollerà il dollaro o l’euro, forse anche entrambi e allora vedremo la gente investire in oro ed in argento, due valori affidabili insomma. Il nostro problema è il debito massivo. Credo che i pazienti sono sulla strada per l’asilo »

Eric King : « Bill, stavo proprio parlando di questo con Eric Sprott. E’ come uno schema di Ponzi perché questi paesi insolventi stampano moneta e poi la danno alle banche. In un secondo tempo le banche comprano obbligazioni sovrane di questi paesi insolventi: è lo schema di Ponzi.

Stai studiando la storia delle monete da quarant’anni ormai. Quando analizzi la situazione attuale, a che cosa si potrebbe confrontarla? Quali sono le tue conclusioni e secondo te come va a finire tutto questo? »

Bill Haynes : « Eric, la cosa più triste nella storia della moneta sono i politici che l’hanno sempre stampata fino a distruggere tutto il suo valore. Agendo cosi, sperano (negli USA) che stimolerano l’economia pero in Europa ci sono due concetti ben diversi: quello di austerità e poi quello cosidetto filosofia di crescita.

Questa filosofia di crescita è solo un eufemismo per stampare sempre più moneta e lo faranno fino a quando il suo valore sarà vicino a zero… Assisteremo alla distruzione del dollaro e dell’euro e un giorno, toccherà allo yen poi le altre valute.

L’establishment ebbe un tale successo a propagare le idee di Keynes che la gente pensò che bastasse stampare sempre più moneta per stimolare l’economia. Paul Krugman ci disse che non ne abbiamo stampato abbastanza (!).  Disse che avremmo dovuto stamparne fra 8 e 10 trilioni di dollari.

E quindi vediamo quel signore Krugman che dichiara a chi vuole ascoltare: “vedete, avevo ragione. Non ne avete stampato abbastanza. L’unica cosa che dovevate fare era stamparne di più”. Guarda Eric, ci sarà inflazione e distruzione delle monete cartacee. »

 

Speak Your Mind

*