La Bundesbank prevede di rimpatriare una sola tonnellata di oro all’anno per sei anni?

 

Di Chris Powell – Gata

Ecco qualche riferimento al rapporto pubblicato ieri dall’Agenzia di stampa tedesca, secondo il quale la Bundesbank preferirebbe rimpatriare il suo oro dagli Stati Uniti in piccole quantità “per ragioni di sicurezza”leggete l’articolo cliccando qui – con il giornale Handelsblatt che afferma inoltre “l’assicurazione copre solo il trasporto per via aerea e non via mare, per un massimo di una tonnellata alla volta”.

R.M., consulente del GATA, osserva: “Ho pensato giustamente…che rimangono 295 tonnellate di oro tedesco da spedire dalle casseforti della Riserva Federale di New York verso Francoforte, nel quadro di rimpatrio della Bundesbank di 300 della 1500 tonnellate di oro custodite dalla Fed prima del 2020. 307 settimane ci separano dal primo gennaio 2020.

La Bundesbank prevede di terminare il rimpatrio del proprio oro nel 2020, rimpatriando in media una tonnellata al mese da New York, circa 50 voli all’anno con due settimane di sosta tra due anni.  Si tratta di pura follia, siccome questo metodo permetterebbe di stabilire una tratta supplementare di voli tra New York e Francoforte. La spiegazione fornita dalla Bundesbank per la lentezza del rimpatrio non convince”.

Il fatto che le Banche Centrali si mostrano così reticenti a parlare delle proprie riserve d’oro e degli swaps in prestiti d’oro –  leggete l’articolo del GATA cliccando qui – confermano l’idea che le usino l’oro per scopi da non rendere di pubblico dominio.

Coloro che s’interessano alla manipolazione dei prezzi dell’oro non hanno richiesto della documentazione e posto interrogativi imbarazzanti per le Banche Centrali come ha fatto il GATA. Nessuno degli interessati studia i documenti disponibili.

 

Fonte: 24hgold.com

 

Speak Your Mind

*